Vacanze 2017: divertimento, famiglia e posti nuovi

E’ il momento di raccontarvi le nostre vacanze 2017, tanto attese e organizzate all’ultimo momento.
Sono state le stesse vacanze che io facevo ogni anno quando ero bambina, dalla mia famiglia, dai miei cugini, a divertirmi.
Quando ero piccola, ogni anno aspettavo con ansia di tornare da loro, a Roccamonfina, in provincia di Caserta, per stare finalmente insieme, per recuperare il tempo in cui eravamo stati lontani. Ogni anno erano quelle le mie vacanze, e quando sentivo il profumo di quel paesino, sentivo di ritrovare una parte di me.
Quest’anno abbiamo deciso che era il momento di tornare, che Sofia doveva conoscere il mio paese preferito, che doveva conoscere i suoi tanti cuginetti e divertirsi con loro proprio come facevo io quando ero piccola.
E così abbiamo fatto. Siamo partiti per questa bella avventura e ci siamo proprio divertiti.
Sofia si è divertita più di tutti, perché ha scoperto cosa vuol dire vivere in paese, ha fatto cose che in città non può fare, si è sentita anche un po’ più libera.
Siamo stati al mare, in piscina, al centro commerciale, al luna park, al mercato, al ristorante, alla sagra della mozzarella e chi più ne ha più ne metta! Ci siamo divertiti tantissimo, tutti insieme, tuffandoci, giocando e scherzando.
Inizialmente avevamo programmato una vacanza al mare, con l’idea di restare nella nostra Liguria, ma poi abbiamo pensato, con ragione, che Sofia si sarebbe divertita molto di più insieme ai suoi cuginetti.
La giornata in piscina è stata bellissima. Una piscina tutta per noi, in un hotel, con una pace incredibile e tante rondini che volavano fino a sfiorare l’acqua. Il divertimento che piace a noi, quello pieno di tranquillità, di sorrisi e di tuffi.  Sofia si è divertita tantissimo anche la sera al luna park, tutti insieme sul bruco, a correre sugli autoscontri, saltare sui tappetoni e buttarsi nella piscina di palline.
L’aria del mare, il profumo dell’estate, quel caldo che quasi non ti fa respirare. Estate vera.
Ma oltre a tutti questi bei momenti insieme, ci siamo presi anche qualche giornata per noi tre, per visitare dei posti nuovi, per scoprire luoghi sconosciuti, proprio come piace tanto fare a noi.
Le mete scelte sono state: Napoli, Montecassino e Gaeta. Tre luoghi davvero bellissimi.
Napoli è la città che più desideravo visitare. Il mio amore per Napoli e per la napoletanità è risaputo. Forse perché mi ricorda l’accento napoletano della mia nonna, la mia infanzia. Non lo so con esattezza cosa mi ha sempre attratto così tanto di Napoli. Fatto sta che tutti sanno del mio amore per questa città, proprio per questo visitarla per me è stata un’emozione bellissima. Una città bella, che ti fa perdere tra i vicoli, le tradizioni, la storia, la poesia.
GaetaMontecassino è un luogo di pace e di fede. Un luogo bellissimo, da visitare, per poter osservare la perfezione di un’abbazia in cui il tempo sembra essersi fermato. La cosa che ci ha colpito, oltre alla bellezza del luogo, è stata la possibilità di camminare tra le colombe bianche, simbolo di pace, così candide, perfette e meravigliose.
Gaeta è un paese sul mare, di quelle che ti fanno pensare alle vacanze, al sapore di salsedine, a tramonti la sera tardi, agli amori nascosti dentro i vicoletti, ai vestitini leggeri, ai cappelli di paglia, alle vespe per strada, alle serate musicali, ai fuochi d’artificio, all’estate vera.
E poi, ci sono state le due giornate alla Rocca, nel paesino di quando ero bambina, nel paesino che non vedevo da ben sei anni. Lì il tempo sembra quasi essersi fermato. Lì le risate hanno ritrovato quel suono che avevano quando eravamo piccoli. Lì ho potuto trascorrere il tempo con quel cuginetto che più che cugino è un vero e proprio fratello.
Lì Sofia ha giocato a pallone in piazza dopo cena, come facevo io da bambina. Lì Sofia è andata sull’altalena, come facevo io da ragazzina.
E, inevitabilmente, mi sono rivista bambina e ragazzina, a correre, giocare, ridere, andare in bicicletta, leggere Cioè, mangiare il gelato, bere la Coca Cola, ridere fino alle lacrime, sognare, fare fotografie, scrivere poesie.
Ed anche per questo la nostra vacanza 2017 è stata proprio una vacanza speciale.

E voi, dove siete andati in vacanza?

Chiara

5 Comment

  1. È stato bello leggere della sua vacanza, in modo particolare del suo legame con la nostra amata Roccamonfina, e ancor di più della volontà di trasmettere a sua figlia questa esperienza Roccana… buon ritorno alle origini.

    1. Mamma Chiara says: Rispondi

      Grazie Emanuele per il tuo commento 😀

  2. un bellissimo reportage e bello soprattutto il legame con le nostre radici, indissolubile!!!! Un abbraccio lory

  3. Barbara says: Rispondi

    Che bellissimo reportage. Meravigliosi tutti i luoghi.
    Un saluto

  4. Molto belle le tue vacanze… davvero speciali per te e anche per la tua bimba…
    Ritornare al paese preferito, rivivere le stesse sensazioni è importante… e condividerlo con i propri cari vale ancor di più!
    Un abbraccio

Lascia un commento