La prima gita di Sofia: tutti a Cowboyland!

Venerdì scorso siamo andati a Cowboyland, a Voghera, per la prima gita di Sofia.
Nonostante sia al secondo anno di asilo, questa è stata la prima, perché purtroppo lo scorso anno aveva la febbre e non è potuta andare.
Non vi dico l’emozione. Ha iniziato ad agitarsi e chiedermi quanti giorni mancassero circa due settimane prima, e la sera precedente era talmente eccitata da non riuscire a dormire.
Credo sia stato l’unico giorno dell’anno in cui sono riuscita a svegliarla alle 7 senza capricci. Si è lavata, vestita e preparata senza fare una piega, con un sorrisone sulle labbra e la smania di uscire di casa.
Siamo addirittura riusciti ad arrivare puntuali.
Il viaggio sul pullman mi preoccupava, perché capita spesso che Sofia (ma anche io) patisca la macchina, per questo ho comprato i braccialetti antinausea, che hanno funzionato alla perfezione.
Un viaggio davvero divertente. Sofia era felicissima e chiacchierava con la sua amichetta, chiedendo ogni dieci minuti quando arrivavamo. Abbiamo ascoltato la musica, hanno cantato e si sono tanto divertiti.
Cowboyland1Quando siamo arrivati hanno finalmente mangiato, vista la scarsa colazione pre viaggio che li rendeva particolarmente affamati, e poi via a visitare Cowboyland, un posto davvero bellissimo.
Abbiamo visto molti animali, come i bisonti, i cavalli, i poni, l’asinello, le caprette. Sono riusciti a vederli da vicino e ad accarezzarli.
Il primo step è stato quello di entrare nel recinto delle caprette, per vederle da vicino, scoprirle e conoscerle meglio, cosa che non capita tutti i giorni.
Poi siamo saliti sul trenino più pazzo del mondo, ovvero delle piccole montagne russe, molto divertenti. In realtà ho cercato di mandarla con suo papà, visto quanto soffro di vertigini, ma il papà ha usato la scusa di dover fare le foto, quindi è toccato a me. E meno male, perché ci siamo proprio divertite affrontando questa paura insieme. A dire il vero Sofia ha visto ben poco, visto che si è tenuta le mani sugli occhi per tutto il tempo, ma anche per questo è stato così divertente.
Andando avanti, alla scoperta degli animali e del mondo dei cowboy, siamo finiti nel villaggio degli indiani, con tanto di bellissime tende, ed uno spettacolo molto carino con un indiano che…. mi ha fatto perfino tirare una freccia! Non avrei mai voluto salire su quel palco, visto come sono fatta, ma è stato divertente perché Sofia mi guardava con la bocca aperta e gli occhi sbarrati. Probabilmente aveva paura che usassi l’arco al contrario… cosa che avrei tranquillamente rischiato di fare.
Un altro momento che ha tanto emozionato Sofia è stato quello in cui siamo riusciti ad accarezzare il muso di un bellissimo cavallo dagli occhi un po’ tristi. Mi ha perfino chiesto di portarlo a casa… ma direi che gatto, cane e papà ci bastano!
I bambini, inoltre, hanno avuto l’opportunità di giocare tutti insieme nella zona riservata ai tiri, cercando di tirare giù tutti i barattoli con le loro palline. Si sono molto divertiti, anche perché è stato un momento in cui hanno fatto tutti la stessa cosa insieme, dividendosi in squadre ed impegnandosi come sempre.
Il momento del pranzo è stato molto bello, perché i bimbi hanno avuto la possibilità di mangiare al sacco tutti insieme sui prati, all’aria aperta, alzandosi per giocare, rincorrersi e divertirsi.
Un piccolo momento di relax anche per noi genitori, che insieme abbiamo mangiato in tranquillità, prendendoci una pausa.
Dopo pranzo abbiamo assistito allo spettacolo del mago, che ha fatto divertire i bambini coinvolgendoli sul palco. La nostra maestra è stata chiamata sul palco ed è stata bravissima, i bambini si sono divertiti tantissimo e hanno riso tanto.
Cowboyland2Poi è toccato a loro salire sul palco, per imparare tutti insieme a ballare come in un vero e proprio saloon, facendosi trasportare dalla musica e dal divertimento.
Un altro momento di grandi risate è stato quello in cui i bambini hanno potuto fare un piccolo percorso a bordo di canoe e tronchi, remando da soli, a coppie, per poi salire sulla grande canoa dondolante di Toro Seduto, che li ha fatti proprio impazzire (complimenti vivissimi per il fatto che nessuno ha vomitato).
Dopo un bel giro sul pony, con tanto di servizio fotografico (le foto sono acquistabili vicino al bar), tutti liberi nel parco giochi all’interno di Cowboyland, fatto di scivoli e altalene, per un po’ di svago prima della partenza.
Il viaggio di ritorno è stato molto più silenzioso, Sofia dormiva e tutti cercavano di riposarsi un po’. La maestra ha consegnato a tutti una bellissima medaglia per la gita, che Sofia ha sfoggiato con grande orgoglio.
Una giornata davvero bellissima, proprio come mi aspettavo, che ci ha fatti tornare a casa stanchi ma molto molto felici.

Consiglio a tutti di trascorrere una giornata a Cowboyland (Voghera). Un parto ricco di attrazioni divertenti ed interessanti, tutto incentrato sul divertimento e lo svago di grandi e piccini. Entrare nel mondo dei cowboy e degli indiani è incredibilmente emozionante, per questo vi consiglio di non perdervelo! Godetevi la vostra avventura nel Far West!
Per maggiori info: www.cowboyland.it

Chiara

4 Comment

  1. vedere i nostri figli felici credo che sia la cosa più bella!!!!! un abbraccio Lory

  2. Adoro i parchi di divertimento. Mi son sempre piaciuti anche da adulta ora poi con i bambini son tornata piccola pure io. Quelli nei dintorni li abbiamo visti tutti e complicequalche eeek end lungo ci siamo spostati anche su quelli più lontani. Questo mi manca ma effettivamente è lontanuccio per noi, sia mai che si passi da quelle parti, ci faremo sicuramente un giro

  3. ma che meraviglia!!! <3

  4. Che bel posticino! Peccato vivere così lontani…

Lascia un commento